“Beautiful but empty”… Kafka On The Shore al Glue

Martedì 22 gennaio, Glue Alternative Concept Space, Firenze. Album di debutto per questa piccola multinazionale italiana dell’indie. Eclettici, folli, malinconici. E rock’n’roll. Ingresso gratuito.

Si definiscono “un quartetto di facili costumi nato dalla fusione un po’ bizzarra tra un americano di Chicago che canta a squarciagola, un tedesco dalla lunga criniera bionda che pare un percussionista nero, un siciliano diplomato in pianoforte sotto la guida di una Maestra Zen e un chitarrista di Nashville dalla madre austriaca”.

Niente male per un gruppo che prende il nome da un romanzo del giapponese Haruki Murakami e si dichiara devoto al “Pirate Mexican Porn Rock”. Dopo l’anteprima milanese eccoli al Glue per farci ascoltare il godibilissimo album di debutto “Beautiful but empty”, realizzato anche grazie ad una divertente campagna di crowdfunding.

Undici canzoni animate da pianoforti indiavolati alla Jerry Lee Lewis, elettriche veraci e sudate, visioni poetiche sulla scia dei Doors e pezzi da taverna che piacerebbero ai Gogol Bordello. Ma i Kafka On The Shore dimostrano di aver ben imparato la lezione di Ziggy Stardust e sanno anche estrarre dal cilindro un tiro rock-soul che è di eredità Afghan Whigs, mentre nelle liriche guardano all‘America del mito (“Bob Dylan”, la mini-suite in due parti “Walt Disney”) e del presente (“Moon Palace” cita fin dal titolo un romanzo di Paul Auster).

Hanno aperto concerti dei Bud Spencer Blues Explosion, Pan del Diavolo, e dei londinesi The Wave Pictures. Il nuovo tour 2013 li porterà anche a Berlino, Parigi, Bruxelles, Londra.

Martedì 22 gennaio – ore 23
GLUE – Alternative Concept Space
Viale Manfredo Fanti, 20 – Firenze
Ingresso gratuito con tessera Glue/US Affrico
Info www.gluefirenze.com