“Bella Ciao” 50 anni dopo, il live diventa un disco

Lo spettacolo “popolare e antimilitarista” del Nuovo Canzoniere Italiano. Ripreso a mezzo secolo di distanza da nomi noti del folk italiano. Campagna musicraiser per realizzare il cd.

Quando nel 1964 debuttò al Festival di Spoleto non passò inosservato: applausi a scena aperta ma anche disordini in sala, per non parlare della denuncia per vilipendio alle forze armate recapitata ad alcuni musicisti.

Ideato dal glorioso Nuovo Canzoniere Italiano, “Bella Ciao” è lo spettacolo che ha segnato l’inizio del folk revival nel nostro Paese: una lezione di democrazia che nasce dal basso, un romanzo storico costruito attraverso la musica, i suoni e le parole. Che tutt’oggi conserva la sua potenza espressiva, facendo propri valori libertari, pacifisti e civili.

A riproporlo, attraverso una lunga serie di live, ci ha pensato nei gli ultimi mesi un combo di appassionati epigoni: Elena Ledda, Ginevra Di Marco, Lucilla Galeazzi, Andrea Salvadori, Alessio Lega, Gigi Biolcati e Riccardo Tesi.

Adesso quel progetto live diventa un cd. E per realizzarlo è stata lanciata una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Musicraiser.

Sono previsti contributi da 15 a 500 euro, e ognuno può partecipare secondo le proprie disponibilità. L’obiettivo è raggiungere i 5.000 euro necessari per la registrazione del disco.

http://www.musicraiser.com/it/projects/3807-tesigaleazzileddadimarcolegasalvadoribiolcati