Bigazzi e Martinicca Boison dedicato a Boris Vian

Sabato 1 marzo al Teatro Verdi di Poggibonsi. La vita, le opere, l’anticonformismo di uno degli artisti più eclettici e geniali del ’900. A sostegno della campagna Adotta il Verdi.

Scrittore, cantante, ingegnere, drammaturgo, pittore, critico musicale, e artista patafisica, Boris Vian sperimentò sulla sua pelle la censura e l’accusa di immoralità. Fu anticipatore del teatro dell’assurdo e della canzone politica. A 55 anni dalla scomparsa, lo ricordano una delle band rock-folk più apprezzate, i Martinicca Boison, ed il giovane attore Pierfrancesco Bigazzi.

“Borisvian – La vita è come un dente” mescola frammenti dal suo disincanto, dalla sua incredibile e breve vita, dal suo spirito anarchico e antimilitarista. Come un positivo grido contro le sicurezze del conformismo e le assurdità della guerra.

Sospeso tra musica e teatro, lo spettacolo si presenta come un laboratorio aperto su uno degli artisti più geniali e controversi della cultura e dello spettacolo francesi ed europei. Un teatro musicale minimo fatto da giovani che si vuole rivolgere a giovani e che parla con le parole di un personaggio che finì per restare giovane.

In scena passano veloci pezzi di vita, poesie, canzoni: in francese, nelle traduzioni di Fausto Amodei, brani originali dei Martinicca Boison, fino alla celebre “Il Disertore” – filo conduttore dello spettacolo – nella versione di Vian, in quella (finora sconosciuta) di Luigi Tenco, in quella di Giorgio Calabrese. Un elogio a chi rifiuta la guerra, assumendosene tutte le responsabilità.

Con Pierfrancesco Bigazzi voce, movimento; Lorenzo Ugolini voce, pianoforte, chitarra; Gabriele Baratto clarinetto; Andrea Rapisardi violino; Francesco Cusumano chitarre; Paolo Pampaloni basso; Pablo Cancialli percussioni; Lorenzo Chiarabini batteria.

Serata nell’ambito della campagna di raccolta fondi “Adotta il Teatro Verdi” per scongiurare la chiusura della struttura.

Sabato 1 marzo – ore 21.30
Teatro Verdi – via del Commercio, 15 – Poggibonsi (Siena)
Info tel. 0577/981298 – www.timbreteatroverdi.it
Biglietti: 10 euro (ridotto 8 euro soci Timbre, studenti, over 65, under 18)