Bigazzi-Martinicca Boison, Boris Vian, un grande!

Mercoledì 27 marzo all’Ideal di Firenze. Concerto spettacolo dedicato ad uno degli artisti più eclettici e geniali del ’900: veloci tranche de vie, poesie e racconti. Ingresso gratuito.

Un elogio del frammento, com’è nello stile del “teatro minimo musicale” che l’etichetta Materiali Sonori sta producendo e allestendo ormai da molti anni. Un laboratorio aperto su uno degli artisti più geniali e controversi della cultura e dello spettacolo francesi ed europei, Boris Vian.

Scrittore, poeta, cantante, musicista, ingegnere, sceneggiatore, drammaturgo, pittore, critico musicale, “patafisico”, sperimentò sulla sua pelle la censura e l’accusa di immoralità. Fu anticipatore del teatro dell’assurdo e della canzone politica.

In scena passano veloci pezzi di vita, poesie, canzoni: in francese, nelle traduzioni di Fausto Amodei, brani originali dei Martinicca Boison, fino alla celebre “Il Disertore” – filo conduttore dello spettacolo – nella versione di Vian, in quella (finora sconosciuta) di Luigi Tenco, in quella di Giorgio Calabrese. Ecco: è anche un elogio al “disertore”. A chi rifiuta la guerra, assumendosene tutte le responsabilità.

A oltre mezzo secolo dalla scomparsa di Vian, la rock-folk band Martinicca Boison decide di mettersi in gioco e affrontare per la prima volta un’opera più complessa, con la partecipazione di Pier Francesco Bigazzi, giovane attore in scena come voce recitante. Una vena di leggerezza si muove attraverso le provocazioni di un poeta e musicista che affronta la crisi di una società e di un costume lacerati nell’intimo dalla corruzione e dall’ipocrisia, dai miti del consumismo e dagli incubi dell’alienazione.

E’ la Francia degli anni Cinquanta, ma potrebbe essere l’Italia di oggi. Mescola frammenti dal suo disincanto, dalla sua incredibile e breve vita, dal suo spirito anarchico e antimilitarista. Come un positivo grido contro le sicurezze del conformismo e l’assurdità della guerra. Un lieve gioco teatrale e musicale fatto da giovani che si vuole rivolgere a giovani e che parla con le parole di un personaggio che finì per restare giovane.

Mercoledì 27 marzo – ore 21.15
Ideal – via Il Prato, 4b – Firenze
Info tel 0552654348 – www.idealfirenze.it - www.matson.it
Ingresso gratuito