Contro e Abbasso, slogan e strafalcioni a tempo di jazz

Mercoledì 29 giugno, Cassero della Fortezza di Poggibonsi. Due contrabbassisti e un linguista. L’originale progetto che vede insieme Raffaello Pareti, Ferruccio Spinetti e Giuseppe Antonelli

Un linguista d’eccezione e due straordinari contrabbassisti raccontano e suonano slogan di protesta, scritte sui muri, canti di corteo, parole d’ordine, canzoni d’epoca, canzonature social, strafalcioni linguistici di oltre cento anni della nostra storia.

Musica e parole s’intrecciano in “Contro & Abbasso”, il progetto che vede insieme Giuseppe Antonelli (ogni domenica mattina su Radio 3 Rai, nella trasmissione cult “La lingua batte”) e Raffaello Pareti e Ferruccio Spinetti.

“L’idea – spiegano i tre – è nata dal fatto che due bravissimi musicisti, di valore internazionale, virtuosi del contrabbasso, Ferruccio Spinetti e Raffaello Pareti, sono entrambi cittadini di Poggibonsi. Abbiamo quindi giocato con la parola contrabbasso e coinvolto Giuseppe Antonelli, linguista di grande valore, rigoroso e originale nelle sue ricerche e nelle sue pubblicazioni. Ne è venuto fuori un viaggio, per meglio dire un corteo spericolato e istruttivo, in quasi cento anni di parole politiche, accompagnato da immagini, manifesti d’epoca e sorprendenti aneddoti, anche valdelsani”.

Giuseppe Antonelli insegna Storia della lingua italiana all’Università di Cassino. Collabora all’inserto domenicale del “Sole 24 Ore” e alla “Lettura” conduce su Radio Tre la trasmissione settimanale “La lingua batte”. Tra i suoi ultimi lavori: Ma cosa vuoi che sia una canzone. Mezzo secolo di italiano cantato (Il Mulino, 2010) e la curatela, con Matteo Motolese e Lorenzo Tomasin, della Storia dell’italiano scritto (Carocci, 2014); Anche Leopardi diceva le parolacce (Mondadori, 2014).

Ferruccio Spinetti, contrabbassista, compositore, docente, con la Piccola orchestra Avion travel vince il Festival di Sanremo (2000). Molti i suoi progetti e le sue prestigiose collaborazioni. Dà vita, nel 2003, con Petra Magoni al progetto “Musica Nuda”, che ottiene nei suoi dodici di esecuzione, grandi successi e riconoscimenti (Premio Tenco, Premio MEI) in Italia e all’estero. Con Petra si esibiscono in tutto il mondo, recentemente e per la prima volta in Giappone, proponendo 6 album, l’ultimo nel 2015, “Little woman”, oltre che due live.

Raffaello Pareti, contrabbassista, compositore, docente ha fatto parte del trio di Luca Flores del quartetto di Massimo Urbani e del quintetto di Tiziana Ghiglioni. Tra i molti progetti e le prestigiose collaborazioni lo ricordiamo con il quintetto di Stefano Bollani “L’Orchestra del Titanic”, con il quale ha vinto il premio Roma Jazz 2001. Nel 2002 costituisce un 4etto a suo nome con Antonello Salis e Stefano Cantini e Bebo Ferra, pubblicando per Egea il cd Il Circo con importanti riconoscimenti in Italia e all’estero. Il suo Maremma, (Egea), ha vinto il premio Europa2007. Nel 2011 incide con Francesco Bearzatti, Mauro Ottolini, Walter Paoli, lo spericolato, energetico, divertente “Roar at the door”. Dal 2007 è direttore artistico della rassegna Jazz Cocktail Europa e direttore della scuola civica di musica di Poggibonsi.

Concerto nell’ambito del festival Piazze d’Armi e di Città 201. Produzione di Fondazione E.l.s.a. – Associazione la Scintilla – Associazione Music Pool da un’idea di Dario Ceccherini.

Raffaello Pareti, contrabbasso; Ferruccio Spinetti, contrabbasso; Giuseppe Antonelli, recitazione.

Mercoledì 29 giugno – ore 21,30
Cassero della Fortezza di Poggibonsi – Siena
Info tel. 055 240397 – www.eventimusicpool.it
Biglietto: 7/5 euro