Gianni Maroccolo e Beau Geste, reunion alle porte?

Avvisaglie sul facebook del bassista-produttore. A breve potrebbe riprendere il progetto post-Litfiba con Francesco Magnelli e Antonio Aiazzi. Fan scatenati e tra le ipotesi, un nuovo album.

Lo storico bassista pochi giorni fa era al Mandela forum a Firenze con Piero Pelù Ghigo Renzulli e Antonio Aiazzi per una magica notte di musica e ricordi nel nome dei Litfiba.

E chissà se già l’idea di un altro ritorno covava nella sua mente o gli è venuta ritrovandosi a suonare accanto al Marchese Aiazzi. Al momento questo non si sa. Sono i fatti a parlare, anzi la pagina stessa di Marok dove neanche troppo velatamente annuncia il ritorno dei Beau Geste. Dopo aver postato il video da You Tube della canzone Il tetto del mondo, Maroccolo ha aggiunto un sibillino “coming soon”. A buon intenditore, poche parole. E infatti subito amici e fan hanno iniziato a tempestare di domande Marok.

Per chi non lo ricorda Gianni Maroccolo nei primi anni Novanta, parallelamente ai Litfiba fondò l’ensemble Beau Geste, con Francesco Magnelli (Litfiba, Csi e Cccp) e Antonio Aiazzi. Il loro era un progetto di musica elettronica minimalista di cui restano 3 album e che realizzò altre tre colonne sonore per cinema e teatro, sonorizzazioni, installazioni sonore di spazi e mostre d’arte contemporanea.

Con Francesco e Antonio, Maroccolo ha sempre mantenuto viva una forte amicizia e una collaborazione che potrebbe portare, già dal prossimo autunno, a una serie di iniziative e manifestazioni. Davvero sarebbe un bel ritorno. Non c’è che da incrociare le dita e sperare che i tre non si ritrovino solo per alcune esibizioni dal vivo ma magari tornino pure con un nuovo disco.