La chitarra è jazz, Ralph Towner al Museo Bargello

Martedì 10 settembre, Firenze. Il leader degli storici Oregon in versione solista. Sound onnivoro e in continua evoluzione. Biglietto 15 euro, ridotti per i partecipanti agli “Aperitivi ad Arte”.

Conosciuto a livello internazionale principalmente come compositore, chitarrista e pianista dell’ensemble jazz acustico Oregon, Ralph Towner ha avuto una ricca carriera anche come solista, con fruttuose collaborazioni al fianco di musicisti del calibro di Gary Burton e John Abercrombie.

Towner non ha mai smesso di sperimentare, raggiungendo risultati anche molto lontani da quelli dei suoi lavori iniziali, e arrivando a includere strumenti prettamente elettronici, come il sintetizzatore, ai suoi lavori più innovativi.

Cambiare la musica non è un’impresa semplice. Richiede un talento innato, ma anche una devozione all’arte che non sia accecata dallo sguardo commerciale della cultura pop. Ralph Towner è proprio questo genere di innovatore del paesaggio musicale contemporaneo, le sue idee sempre nuove, anche se abbracciano una carriera lunga oltre trent’anni.

GLI ALBUM – Le sue più recenti realizzazioni discografiche sono “In Stride” e “Family Tree” con gli Oregon, mentre per l’etichetta discografica ECM ha inciso due cd per chitarra sola, “Anthem” e “Time Line”. E ancora, gli album “From a Dream” e “Travel Guide” con Slava Grigoryan e Wolfgang Muthspiel, mentre con il “nostro” Paolo Fresu ha dato alle stampe nel 2009 l’ottimo “Chiaroscuro”.

LA STORIA – Nato e cresciuto in una famiglia di musicisti, Towner ha cominciato a suonare il pianoforte a tre anni e la tromba a cinque, fino a scoprire il suo talento per la chitarra in età adulta, diventando un abile polistrumentista con predilezione per la chitarra classica.

Dopo un periodo di lavoro a New York ha fondato nel 1970 gli Oregon, che nel corso degli anni settanta hanno ottenuto una vasta risonanza registrando alcuni album che mescolavano la musica folk con influenze etniche e con la libera improvvisazione jazzistica, e con i quali intraprese una collaborazione con la EMC Records che dura tuttora, e che ha permesso la pubblicazione di tutta la sua opera, sia con il gruppo che come solista.

BARGELLO JAZZ continua mercoledì 18 settembre con il Trio di Roberto Gatto: al fianco del noto batterista, Alessandro Lanzoni al piano e Luca Fattorini al contrabbasso.

La rassegna è organizzata dall’associazione Music Pool in collaborazione con il Polo Museale Fiorentino, Insurance Service, Axa Art, Costruzione Strumenti Oftalmici, Red Garter, Key Fast.

Martedì 10 settembre – ore 22,15
Museo del Bargello – via del Proconsolo, 4 – Firenze
Info tel. 055 240397 – www.eventimusicpool.it
Biglietto: 15 euro; 10 euro per i partecipanti agli “Aperitivi ad Arte”
Prevendite www.boxoffice e www.ticketone.it