Murate Stop Making Noise! Musica su grande schermo

Alle Murate di Firenze. Mercoledì 1 agosto ultimo appuntamento. “Coração Vagabundo” di Fernando Grostein Andrade, ritratto di Caetano Veloso con testimonianze di  Almodóvar,  Byrne, Antonioni… Ingresso gratuito. Ore 21,30.

E’ il documentario “Jimi Hendrix” di Joe Boyd, John Head e Gary Weis, del 1973, sul grande chitarrista, ad inaugurare, mercoledì 4 luglio (ore 21.30, ingresso libero) alle Murate di Firenze, la seconda edizione della rassegna “Stop making noise!”, selezione di documentari rari e di culto dall’archivio storico del Festival dei Popoli (che conta 15 mila titoli) per cinque appuntamenti fino al 1 agosto.

Nel documentario, il chitarrista americano viene ricordato da famiglia, amici e leggende del rock come Eric Clapton, Mick Jagger, Pete Townshend e Little Richard. Le testimonianze si mescolano alle immagini degli elettrizzanti concerti di Monterey e Woodstock, le performance ai Festival dell’Isola di Wight, al Club Marquee di Londra e al Fillmore East.

La selezione è curata dal critico musicale Giuseppe Vigna e rientra nell’ambito dell’Estate Fiorentina. Secondo appuntamento mercoledì 11 luglio con “Ornette: Made in America” di Shirley Clarke (USA, 1985) sulla movimentata vicenda di Ornette Coleman, pioniere del Free Jazz.

Mercoledì 18 sarà la volta della fiction “Sun Ra – Space is the Place di John Coney” (USA, 1974, 85′) in cui il leggendario Sun Ra arriva dallo spazio per salvare i suoi fratelli afroamericani in pericolo. Un’ambientazione thriller e fantascientifica ideale per Sun Ra e la sua musica.

Giovedì 26 luglio “Tom Zé astronauta libertado” di Igor Iglesias González, Spagna (2009) sul mondo artistico di Tom Zé, fatto di sperimentazione incessante e di rottura con la musica “corretta” e commerciale, raccontato a partire da un workshop e un concerto in Spagna.

Chiude la seconda edizione della rassegna, mercoledì 1 agosto, “Coração Vagabundo” di Fernando Grostein Andrade, Brasile (2008) sul ritratto di Caetano Veloso con le testimonianze di amici tra cui Pedro Almodóvar, David Byrne e Michelangelo Antonioni. Dal Brasile a New York fino al Giappone, durante il tour per l’uscita del suo primo album registrato interamente in lingua inglese.

“Il tratto comune rintracciabile nelle esperienze di Jimi Hendrix, Ornette Coleman, Tom Zé, Sun Ra, Caetano Veloso – spiega il curatore – è avere definito un mondo espressivo dove vita ed arte sono sempre strettamente collegate.

Ogni vicenda personale si riflette subito nella musica, combinando esperienze, ricordi, ricerca: lo sguardo ravvicinato e privilegiato del cinema ne svela tanti aspetti, ci riesce seguendo i musicisti a distanza ravvicinata nell’attimo della creazione, nella tensione della performance, nella rappresentazione della loro visione più intima.

Risalta la dimensione profondamente umana del fare musica ed arte, una sintesi di energie ed emozioni, che i cinque film catturano e restituiscono con singolare adesione”.

Stop Making Noise!
Da mercoledì 11 luglio a mercoledì 1 agosto – ore 21,30
Le Murate – Piazza le Murate – Firenze
Info tel 055 244778 – www.festivaldeipopoli.org
Ingresso libero (proiezioni con audio in cuffia)