Argini e Margini, notte manouche con i Note Noire

Sabato 13 settembre, Argini e Margini, Pisa. Dalle czardas ungheresi al valse musette, dallo swing alle hora rumene. Sotto la stella di Django Reinhardt. E del gipsy-jazz. Ingresso gratuito.

Dalla Francia ai Balcani fino ai Paesi dell’Est europeo attraversando Alsazia, Ex-Jugoslavia, Albania, Serbia, Romania… Musiche e tradizioni che si  amalgamano in una sonorità che è tipica dello swing manouche, in omaggio al musicista Django Reinhardt e al suo popolo, gli zingari, unici testimoni, ad oggi, della straordinaria varietà e ricchezza di linguaggi che animano la cultura europea.

La musica dei Note Noire è il guado tra questi spaccati sonori tramandati dalla abili mani dei musicisti zigani.

Il violino di Ruben Chaviano racconta, piange, scherza, fugge… Alla ricerca di un incanto sonoro che insieme alla ritmica potente ma leggera di chitarra, fisarmonica e contrabbasso, possa sollevare le anime e unirle in festa.

Durante il concerto non mancano spazi d’improvvisazione in cui temi e arie si libereranno guidati di volta in volta dai singoli strumenti.

In primo piano il recente album “Incontri”. Formazione: Ruben Chaviano, violino; Roberto Beneventi, fisarmonica; Tommaso Papini chitarra; Mirco Capecchi, contrabbasso.

Sabato 13 settembre – ore 21,30
Argini e Margini – Scalo dei Renaioli – Lungarno G. Galilei – Pisa
Info tel. 329 8881972 – www.arginiemargini.com
www.arnovivo.itwww.exwide.com
Ingresso gratuito