Remi Harris jazz manouche, doppio live a Firenze

Domenica 8 febbraio (ore 10,30) a Careggi, live serale a La Cité. La promessa inglese per la prima volta in Italia. Duo di chitarre con Caley Groves. Ingresso libero.

In principio furono jazz e blues, classica e world music, oltre ad una buona dose di rock, metal, drum and bass e hip hop.

Classe 1988, papà pittore e mamma vignettista, Remi Harris è cresciuto in un ambiente molto creativo. Lo dimostra il suo nome, scelto dall’unione dalla seconda e terza nota della scala maggiore.

La prima chitarra a sette anni, a 11 il debutto live. Dopo scorpacciate di Beatles, Zeppelin, Neil Young, Jimi Hendrix e Peter Green – sfilati dalla discografia di famiglia – arriva la virata decisiva, verso le rotte del jazz. E in particolare della chitarra gipsy jazz.

Nel giro un paio d’anni Harris ne impara i fondamenti e va oltre. Divenendone un autentico virtuoso, riconosciuto dal pubblico e premiato dalla critica. Ovviamente ci aggiunge del suo, forgiando uno swing manouche davvero particolare.

Lo stesso sound che potremo apprezzare in questa intensa giornata fiorentina che segna anche il debutto italiano. Alle ore 10,30 Remi Harris sarà ospite della rassegna Careggi in Musica organizzata da Agimus, nell’Aula Magna del Nuovo Ingresso di Careggi.

Al pomeriggio (ore 15.30 – 17.30) si potrà ascoltare sulle frequenze di Controradio, nell’ambito del programma Il Popolo del Blues che vede ospite anche la violinista Natascia Gazzana,

Si chiude alle 22 sul palco de La Cité (Borgo San Frediano 20 rosso). Al suo fianco un’altra valida sei corde, quella dell’amico e collega Caley Groves. I concerti sono entrambi ad ingresso gratuito.

Domenica 8 febbraio – ore 10,30
Aula Magna – Azienda Ospedaliera Careggi
Largo Brambilla, 3 (nuovo ingresso) – Firenze
Info www.agimusfirenze.it
Ingresso libero