Roberto Angelini alla Sala Vanni, Glorytellers 2013

Domenica 10 marzo, Sala Vanni, Firenze. “Phineas Gage”, nuovo album dell’artista romano in versione one-man-band. Atmosfere lunari, alchimie digitali, voce e suoni più classici. Biglietto 10 euro.

Roberto Angelini è un artista a tutto tondo con diverse forme d’espressione di un talento che non si esaurisce con l’incisione dei suoi dischi, ma spazia anche dalla produzione di altri musicisti all’esecuzione di sculture in plastilina.

Ottima l’accoglienza riservata a “Phineas Gage”, l’album uscito lo scorso autunno per la etichetta Fiori Rari, anticipato dal singolo “Cenere”. Un nuovo capitolo che, a tre anni di distanza da “La Vista Concessa” e numerosi progetti collaterali, presenta 10 brani in cui tutta l’esperienza raccolta tra collaborazioni, album e live, lo scambio di energie, le prospettive e la ricerca, si ricollegano tra loro. Quello che ne esce è l’attuale dimensione dell’artista romano, attraverso la sperimentazione e l’attenzione a sonorità elettroniche, ambient e alle sue interazioni. Suono “lunare” e al contempo caldo, immerso tra l’alchimia digitale, la voce e i suoni più classici.

La formula del Phineas Gage Tour è quella della one man band: Angelini sale sul palco con i suoi strumenti, tra cui la slide guitar e la weissenborn, approfondendo il lavoro musicale con passione e tecnica, equilibrio e libertà.

Phineas Gage è il nome di un operaio statunitense addetto alla costruzione di ferrovie che sopravvisse miracolosamente ad un incidente sul lavoro, nonostante la ferita infertagli da un’asta di metallo che gli trapassò il cranio. Diventò uno dei casi di studio più famosi in neurologia perché già dopo pochi minuti dall’accaduto Gage era di nuovo cosciente e in grado di parlare. La sua personalità però subì radicali trasformazioni, molto forti e a volte poco piacevoli, ma cominciò da allora a rapportarsi con le persone tirando fuori, senza filtri e bugie, i suoi pensieri a volte con modi poco convenzionali.

Una “schiettezza” cercata, nel caso di Roberto Angelini, nei suoni di un album in cui si espone e si sperimenta in un viaggio intimista in cui non solo le parole raccontano.

La rassegna Glorytellers 2013 organizzata da LNDF e Musicus Concentus continua sabato 16 marzo con il progetto solistico “Guitar solo” di Finaz, già colonna della Bandabardò. Giovedì 25 aprile il concerto-spettacolo “Razza Partigiana” del collettivo Wu Ming.

Ascolta l’album www.robertoangelini.it

Domenica 10 marzo – ore 21
Sala Vanni – piazza del Carmine – Firenze
Biglietto: 10 euro – Info tel 055.210804 / 287347
www.lenozzedifigaro.itwww.musicusconcentus.com
Prevendite www.ticketone.it (tel. 892 101)
www.boxol.it (tel. 055-210804), www.mailticket.it (tel. 199446271)