Seminari Siena Jazz: i grandi numeri di un’estate

15 giorni, 120 allievi da 5 continenti, 34 docenti, 20 concerti e 68 gruppi musicali al lavoro. Tante borse di studio assegnate. E Berklee Institute manda i migliori allievi.

Dire che un’istituzione musicale come il Berklee Global Jazz Institute ha stanziato 3 borse di studio per frequentare i Corsi estivi di Siena Jazz è un po’ come invitare i migliori maestri pizzaioli napoletani a perfezionare la loro arte in Australia o in Finlandia.

Eppure è questa la “curiosità” forse più significativa e al tempo stesso qualificante, di cosa significhi oggi il nome di Fondazione Siena Jazz.

E’ con grande soddisfazione degli organizzatori, che cala il sipario sulla 42° edizione dei Seminari internazionali estivi di Siena jazz.

Un successo straordinario fatto di numeri: in 15 giorni a Siena sono arrivati 120 allievi da 16 nazioni e da tutti e 5 i continenti. Con loro 34 docenti. Sono stati organizzati 20 concerti e presentati 2 libri fra i quali quello di Francesco Martinelli, parte della collana “Quaderni di Siena jazz”, dedicato al sassofonista italiano Claudio Fasoli.

“Sono numeri che parlano da soli – commenta il Presidente di Siena Jazz Franco Caroni – e che dimostrano come, anche in periodi di forte crisi economica, sia possibile far vedere al mondo che esiste anche un’Italia che funziona. Un’Italia capace di fare cultura senza spendere grandi cifre ma anzi creando un indotto culturale ed economico importante, misurabile e trasformabile anche in termini di ritorno turistico e d’immagine”.

La Fondazione è riuscita ad organizzare all’interno dei corsi ben 68 gruppi di musicali, ognuno dei quali guidato da un docente che ha suonato come leader della formazione. Sono così nate 68 produzioni musicali, con studenti italiani e stranieri che per 15 giorni hanno lavorato su brani della storia del jazz inserendo composizioni originali create per l’occasione.

Una marea di musica è stata composta in questa edizione dei Seminari, che partendo da Siena si diramerà nei 16 Paesi di provenienza degli studenti, facendo da catalizzatore a innumerevoli opere discografiche e concerti. Siena è e sarà ricordata anche per questo. Studenti di varie nazionalità hanno già formato gruppi specifici che durante l’inverno si incontreranno, spostandosi a turno nelle varie città, per continuare a suonare insieme.

Lo staff dei docenti, scelti fra i più apprezzati della scena internazionale, erano per metà americani e per l’altra metà italiani. Gli allievi sono giunti a Siena da Stati Uniti d’America, al Cile, Tunisia, Israele, Turchia, Russia, Australia, Inghilterra, Portogallo, Spagna, Germania, Svizzera, Francia, Olanda, Croazia e da un po’ tutte le regioni d’Italia.

Sono state assegnate numerose borse di studio per la frequenza alla prossima edizione dei Seminari senesi ed anche ai corsi estivi organizzati da altre istituzioni che collaborano da anni con Siena Jazz.

Tre borse di studio sono state così assegnate per l’edizione 2013 di “Roma jazz’s cool” alla contrabbassista Elisabeth Hoppe, al sassofonista Niccolò Ricci ed al contrabbassista Renato Grieco; due borse di studio per la frequenza al Seminario di Nuoro Jazz, organizzato da Paolo Fresu, al pianista Roberto De Nittis ed al chitarrista Medhi Azaiez; due borse di studio per il Seminario di Merano Jazz ai batteristi Giovanni Paolo Liguori e Riccardo Gambatesa; quattro borse di studio per prossima edizione dei Seminari internazionali di Siena Jazz al trombettista Denis Fattori, al sassofonista Niko Seibold, alla sassofonista Alice Legget ed al pianista Remy Decormeille.

Infine la più prestigiosa borsa di studio è stata assegnata per rappresentare la Fondazione Siena Jazz e l’Italia al 23° Meeting Internazionale della I.A.S.J. (International Association of Schools of Jazz), che si terrà a Herning e Aarhus in Danimarca nel 2013 dal 29 giugno al 5 luglio. Questa borsa di studio è stata assegnata al sassofonista Giovanni Benvenuti.

Questo giovane musicista è oltretutto senese e da anni fa parte di una ristretta cerchia di studenti italiani che rappresentano Siena Jazz negli scambi internazionali, con istituzioni musicali come il Berklee Global Jazz Institute e il Dipartimento di jazz del Conservatorio superiore di Parigi.

Info tel 0577 271 401 www.sienajazz.it