Siena Guitar Festival

Siena Guitar FestivalMercoledì 4 gennaio, Teatro dei Rozzi, Siena. Marcio Rangel, Roberto Nannetti, Jimmy Villotti e Massimo Varini. Quattro stelle della sei corde ed un super-ospite, il trombettista Fabrizio Bosso.

La buona musica non ha frontiere né differenze di generi. Questa la filosofia del Siena Guitar Festival, dedicato a tutti gli appassionati di buona musica e in particolare ai giovani di Siena. Niente di meglio della chitarra, uno degli strumenti più diffusi, per sperimentare la creatività, la contaminazione, l’apertura al dialogo tra le culture e i diversi ambiti musicali. La chitarra si fa portavoce di un compito che la musica svolge da sempre, il dialogo e il confronto, l’assimilazione di concetti diversi per maturare idee innovative.

Il festival riunisce 5 musicisti di livello, “relatori” della propria musica e della personale creatività che esprimono con il loro strumento. Una serata intensa in cui si passa dai suoni acustici di matrice blues, folk, classica e latina, a quelli jazz.

Roberto Nannetti Nel connubio melodico ritmico evidenzia l’interesse per una narrativa musicale fatta di descrizioni e sensazioni.Dall’inizio dei suoi studi jazzistici stringe con Joe Pass una conoscenza referenziale come guida e riferimento stilistico formativo. Scrive musica per insieme di jazz e si esibisce in vari contesti nazionali ed internazionali sin dagli anni ottanta. Nel campo della musica leggera collabora per molti anni alle produzioni di Sergio Caputo. Integra in seguito i suoi interessi musicali jazzistici con una attenzione per la composizione sullo strumento e i grandi maestri sudamericani quali Guinga, Baden Powell, Garoto etc. Più recentemente si dedica alla composizione, arrangiamento e direzione di medi organici da camera.

Massimo Varini Difficile condensare le sue esperienze: da Autore, Arrangiatore e Produttore Artistico, Session Man, Artista e Didatta.Ha firmato le chitarre acustiche ed elettriche nei dischi di Artisti del calibro di Andrea Bocelli, Biagio Antonacci, Alessandra Amoroso, Emma Marrone, Gianni Morandi, Francesco Renga, Ornella Vanoni, Celentano, Mina, Nek, Vasco Rossi, Eros Ramazzotti, Laura Pausini… e solo per citarne alcuni! Didatta della chitarra apprezzatissimo: oltre 15 pubblicazioni! I suoi prodotti didattici i più venduti in Italia da diversi anni.Presentissimo sul web, il suo canale Youtube oltre 10 milioni di visualizzazioni. Dedicatosi alla chitarra acustica con grande passione e successo, ha 2 dischi acustici: MY SIDES (2009) e ANACRUSIS (2011): disponibili insieme agli altri suoi lavori (elettrici) su iTunes.

Jimmy Villotti E’ un chitarrista di fama internazionale, maestro nell’arte dello swing, che ha attraversato trent’anni di musica senza subire nessun tipo di costrizione. Nato a Bologna nel 1944, si è accostato alla musica fin da giovanissimo, suonando dapprima il pianoforte e poi la chitarra. Dotato di grande personalità artistica, di sintesi ed espressività armonica, è stato per anni il partner ideale dei maggiori artisti italiani, quali Lucio Dalla, Francesco Guccini, Ornella Vanoni e Sergio Endrigo, ma è soprattutto con Paolo Conte che ha stretto un lungo e proficuo sodalizio professionale, tanto che il cantautore gli ha dedicato uno dei suoi brani più famosi, “Jimmy ballando”. A partire dagli anni Novanta, Villotti si esibisce come solista, privilegiando la sua passione più vera e profonda, il jazz e inizia a dedicarsi alla scrittura, raccontando se stesso e la sua Bologna in diverse pubblicazioni. Il suo ultimo libro, “Va’ con Dio” (Hoepli Editori, 2006), è la storia di una ricerca, del senso del tempo, della speranza e della fede: una preghiera laica di un grande musicista.

Marcio Rangel Straordinario chitarrista brasiliano e compositore mancino, dotato di grande talento, carisma ed eclettismo.All’età di sedici anni inizia a suonare la chitarra e sviluppa il suo stile originale usando una chitarra da destri: suonando, cioè, i bassi con l’anulare e il mignolo e la melodia con il pollice, l’indice e il medio. Ne scaturisce, così, una sonorità più potente nei bassi e vellutata negli acuti, che sviluppa nuove digitazioni di accordi e un senso melodico ritmico e armonico. La sua musica è personale e dalla tecnica strumentale innovativa. Le sue composizioni originali sono di rara bellezza estetica e lirica, dotate di armonia e ritmi complessi e, allo stesso tempo, semplici e incisive, melodicamente accessibili al primo ascolto.E’ stato ospite dei maggiori festival di chitarra nazionali ed internazionali.
Solitamente si esibisce come solista,anche se in molti concerti si avvale della collaborazione di grandi trombettisti come Fabrizio Bosso e Flavio Boltro.
Come compositore segue un percorso di un Brasile in evoluzione, senza mai perderne le radici, la vera essenza e la fantasia.

Fabrizio Bosso E’ uno tra i migliori trombettisti italiani affermatosi nell’attuale scena jazz a livello nazionale ed internazionale. Dotato di grandissima sensibilità e di una tecnica ineccepibile. Fabrizio Bosso si avvale di un linguaggio unico e personale che è il frutto di una grande ricerca stilistica. Passando dalla magia della tradizione all’evocazione del be-bop e l’hard-bop degli anni ’60, arriva all’elaborazione di un suono tutto originale, costituito dalle mille sfumature dove le caratteristiche dominanti sono la forza, la freschezza ed il lirismo.

Mercoledì 4 gennaio – ore 21
Teatro dei Rozzi – Piazza indipendenza, 15 – Siena
Info http://sienaguitarfestival.blogspot.com/
Entrata libera sino al raggiungimento della capienza massima