Vasco Brondi scrittore, incontro alla Sala Vanni

Domenica 2 dicembre, ore 17,30, a Firenze. L’ideatore del progetto Le Luci della Centrale Elettrica presenta il graphic-novel “Come le strisce che lasciano gli aerei”. Ingresso libero. Giovani Sì Live.

Vasco Brondi come non l’avete mai visto. Nelle vesti di autore letterario. L’ideatore e leader del progetto Le Luci della Centrale Elettrica torna a calcare il palco della Sala Vanni di Firenze – dove ha tenuto di recente due memorabili concerti – per presentare il graphic novel “Come le strisce che lasciano gli aerei” realizzato a quattro mani con Andrea Bruno, anche lui presente all’incontro insieme al giornalista Fulvio Paloscia.

Micol dai lunghi capelli rossi sotto il casco integrale. Rashid il nordafricano con la maglietta della nazionale italiana. Rico, una felpa rossa con il cappuccio e una grondaia sotto il braccio. Sono i tre personaggi che si incrociano, si incontrano, si evitano in “Come le strisce che lasciano gli aerei”: gli stessi pensieri, gli stessi gesti apparentemente insensati. Lo sfondo sono i phone center, una succursale della propria casa, dove i momenti più intimi vengono esibiti in pubblico; la radio e la televisione che fanno la cronaca dell’ennesimo esodo; i cieli solcati da aerei che partono e arrivano lasciando nel cielo la loro scia.

Vasco Brondi si è messo in evidenza nel panorama musicale italiano negli ultimi anni con il progetto artistico/musicale Le luci della centrale elettrica. L’album d’esordio del 2008 “Canzoni da spiaggia deturpata” ha vinto la Targa Tenco come migliore opera prima, il Premio Fimi, il premio MEI, il Premio Musica & Dischi e il Premio Fuori dal Mucchio. Con il secondo album del 2010 “Per ora noi la chiameremo felicità”, inizia la collaborazione con il fumettista Andrea Bruno che realizza la copertina e il booklet dell’album. Con Baldini Castoldi Dalai ha pubblicato il libro “Cosa racconteremo di questi cazzo di anni zero”.

Andrea Bruno scrive e disegna storie a fumetti. I suoi lavori sono apparsi su numerose riviste e antologie italiane e internazionali. Ha pubblicato l’albo “Black Indian Ink” (Centro Fumetto Andrea Pazienza, 1999; Amok, 2000), la raccolta di disegni “Disapperarer” (Coconino Press, 2001) i volumi “Brodo di niente” (Canicola, 2007; Rackham 2008) e “Sabato tregua” (Canicola, 2009).

Nel 2000 ha ricevuto il premio Attilio Micheluzzi Nuove strade al Napoli Comicon e il premio Lo straniero, nel 2007 il premio come Miglior Autore Unico a Luccacomics e nel 2010 il premio Attilio Micheluzzi come Miglior Disegnatore al Napoli Comicon. Ha esposto in diverse mostre personali e collettiva in Italia e all’estero. Nel 2005 è stato tra i fondatori del gruppo Canicola, con il quale ha dato vita all’omonima rivista.

Domenica 2 dicembre – ore 17,30
Sala Vanni – piazza del Carmine, 14 – Firenze
Info tel. 055.287347 www.musicusconcentus.com
Ingresso gratuito